CROWFUNDING: PICCOLI AIUTI PER GRANDI PROGETTI!

chi-carol-sente-crowdfunding-1871-20150302

Scritto da Katia Giannini, studentessa del liceo classico Giulio Cesare, svolge il progetto di alternanza scuola-lavoro presso Sbankiamo

Quando nel 1884 i francesi erano in procinto di donare la famosa Statua della Libertà agli americani, questi dapprima non riuscirono a racimolare il denaro necessario per costruire un piedistallo adatto all’imponente monumento. Dunque il proprietario di un giornale di New York, il World, annunciò che i nomi di coloro che avrebbero donato dei fondi, anche minimi, sarebbero stati pubblicati sulla rivista. Dopo circa 5 mesi si raggiunse la cifra di 102.000 dollari, addirittura superiore di 2000 dollari all’importo necessario. Fu questo il primo episodio di Crowdfunding.

Ma che cos’è il Crowdfunding?

Il “Crowdfunding” è un finanziamento collettivo fatto tramite piattaforma online tramite il quale vengono elargiti contributi ad un progetto o ad un prodotto,  che possono riguardare qualunque categoria. Il donatore partecipa alla realizzazione di un’opera, anche con versamenti minimi, e in alcuni casi senza un ritorno di alcun tipo. Esistono infatti vari tipi di Crowdfunding:

Donation based, che non fornisce alcun ritorno e che di solito viene fatto da donatori che sentono particolarmente vicina la causa per cui donano denaro. Un esempio è la donazione per le campagne elettorali dei politici, il cui iniziatore è stato Barack Obama nel 2008.

Reward based, che prevede invece una ricompensa di tipo non monetario e di valore non uguale all’importo versato. In questo caso il riconoscimento può essere quindi un gadget o un ringraziamento pubblico (Es. Nome del donatore pubblicato su una rivista).

All’interno di queste due categorie esiste poi la suddivisione in Keep-it-all e All-or-nothing: nel primo caso il progettista riceve il denaro acquisito anche nel caso in cui non abbia raggiunto la somma prevista; nel secondo caso invece il progettista riceve il denaro solamente una volta raggiunto l’obiettivo.

Lending based, che consiste in un finanziamento tramite prestito di fondi ad un tasso di interesse più o meno alto. Questo modello è in costante crescita perché prevede l’incontro diretto tra il donatore e l’ideatore del progetto grazie alla piattaforma utilizzata.

Equity based, che prevede una modalità di finanziamento tramite acquisto di quote azionarie verso società non quotate. In Italia il sito più importante per questa tipologia è Starsup.

Negli ultimi anni la raccolta di denaro tramite Crowdfunding è aumentata notevolmente, tanto che sono state registrate 1250 piattaforme attive con un volume di raccolta totale di 16,2 miliardi di dollari nel 2014 e ben 34,4 miliardi nel 2015!

Il Crowdfunding è inoltre un tipo di finanziamento che tutti possono intraprendere, sia persone comuni che gente di spettacolo.

Nel 2014, il famoso musicista americano Neil Young ottenne 6,2 milioni di dollari tramite Crowdfunding per finanziare il proprio progetto di player musicale raggiungendo una quantità di denaro ben superiore alla somma sperata in poco più di 24 ore.

Dall’altra parte, due giovani ragazzi italiani del Politecnico di Milano, Giovanni Grieco e Marco Rizzuto hanno invece guadagnato circa 600.000 euro per realizzare un dispositivo multifunzione, il Fabtotum, che opera da stampante e scanner 3D e che permette di produrre gli oggetti desiderati stampando in tre dimensioni e in vari materiali e di attuare il processo inverso, passando cioè dal prodotto al file.

Ciò che rende speciale questa nuova piattaforma è dunque la possibilità che offre a ciascuno di poter attuare il proprio progetto tramite l’appoggio di altre persone che lo condividono e che, pur donando una minima quantità di denaro (spesso anche meno di 1 dollaro!), riesce a raggiungere un grande traguardo!