Piccolo vademecum della BCE.

BCE

Sui giornali, alla televisione, in internet, quante volte ci è capitato di leggere o sentire pronunciare tre lettere, BCE? Che sia un acronimo per indicare la Banca Centrale Europea è facile intuirlo, ma come è nato questo istituto e quali funzioni ha?

L’idea di dare vita a questo organo è sorta nel giugno del 1988, quando il Consiglio europeo ratificò il progetto di realizzare un’ unione economica e monetaria.  Nacque così un comitato composto dai governatori delle Banche Centrali nazionali della Comunità europea, dal direttore generale della Banca dei regolamenti internazionali, da un professore di economia in Danimarca e dal Presidente del Banco Exterior de España. Ne scaturì il Rapporto Delors che avanzava l’ipotesi di realizzare l’Unione economica e monetaria articolata in tre distinti momenti, in un arco temporale che andasse dal primo luglio del 1990 al primo gennaio del 1999.

L’Unione europea ha fra gli obiettivi quello di promuovere lo sviluppo sostenibile dell’Europa, fondato su una equilibrata crescita economica e sulla stabilità dei prezzi, obiettivo quest’ultimo che è proprio della BCE.

La BCE ha inoltre varie  funzioni, fra cui gestire l’euro,  l’esclusivo potere di autorizzare l’emissione di banconote nell’eurozona, preservare il potere di acquisto della moneta unica, l‘intrattenere rapporti con istituzioni, organi  e consessi, sia internamente all’Unione europea, sia a livello mondiale, la messa a punto di politiche adeguate  per quanto concerne la vigilanza prudenziale sugli enti creditizi  e sulla solidità del sistema finanziario.

In data 1 gennaio 1999 la BCE ha assunto su di sé le funzioni sopra riportate, nel gennaio di quell’anno infatti le banche centrali nazionali di 11 stati membri dell’Unione europea hanno ceduto le proprie prerogative in materia di politiche monetarie alla BCE. Col passare degli anni poi i paesi sono aumentati, fino a diventare 17. Condizione necessaria per entrare a far parte dell’area dell’euro era ed è soddisfare i criteri di convergenza, ovvero requisiti economici e finanziari che gli stati devono soddisfare, tali requisiti si riferiscono a stabilità dei prezzi, tasso di cambio, tassi di interesse a lungo termine e situazione delle finanze pubbliche.

La BCE ha sede a Francoforte sul Meno  ed è prevista per il 2013 la conclusione dei lavori della nuova sede che sorgerà nell’area dei vecchi mercati generali.